Pontedera – Apre il Palazzo Blu anti Covid

Pisa – Incendio in una abitazione a Tirrenia.
31 January 2021
Cascina – Un nuovo parcheggio per il distretto sanitario
31 January 2021
Mostra tutti

Pontedera – Apre il Palazzo Blu anti Covid

L’incremento di iscrizioni alle scuole superiori e il rispetto delle misure di sicurezza indicate dal Comitato tecnico scientifico rispetto alla pandemia in corso, hanno portato ad un accordo tra Provincia, Comune e gli Istituti del Villaggio scolastico di Pontedera per trovare spazi aggiuntivi. 

La risposta della Toscana è l’inaugurazione del Polo scolastico Palazzo blu dove da Febbraio entreranno in aula le classi del Liceo Montale, in particolare gli studenti degli indirizzi di scienze umane, linguistico ed economico-sociale. Si tratta delle 8 classi più numerose dell’Istituto.

Alla cerimonia ha partecipato l’assessora all’istruzione Alessandra Nardini, oltre al presidente della Regione Eugenio Giani, all’assessore ai trasporti Stefano Baccelli, al presidente della Provincia di Pisa Massimiliano Angori e al sindaco di Pontedera Matteo Franconi.

“Ringrazio la Provincia di Pisa, l’amministrazione comunale di Pontedera e i dirigenti scolastici per il lavoro fatto, che ha visto un’importante sinergia pubblico-privato, e che ci consente di essere qui oggi, in un luogo in cui si potrà fare didattica in presenza in sicurezza”, ha detto Nardini. “In Toscana abbiamo fatto un grande lavoro di squadra, considerando la scuola una priorità impegnandoci in questi mesi di pandemia su due binari paralleli. Da un lato affinché con la didattica a distanza non si andassero ad accrescere le diseguaglianze, e quindi abbiamo stanziato risorse per i dispositivi e per la connettività nelle scuole, grazie alla collaborazione con l’assessore alle infrastrutture digitali Stefano Ciuoffo. Dall’altro lato abbiamo lavorato affinché, appena possibile, gli studenti potessero tornare in classe perché sappiamo bene che la didattica a distanza, che è stata una scelta necessaria dettata dalla situazione sanitaria, non può sostituire la didattica in presenza, che è anche socialità”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *