Pisa – Passata la piena dell’Arno il livello del fiume in calo

Vecchiano – Dal Pd via libera alla candidatura di Massimiliano Angori
7 December 2020
Coronavirus – Nel Pisano altri decessi
7 December 2020
Mostra tutti

Pisa – Passata la piena dell’Arno il livello del fiume in calo

La scorsa notte intorno alle 2 l’Arno ha registrato il picco più alto, arrivando a 3,18 metri ( il primo livello di guardia è di 3,50 metri ) e nelle ore successive il livello è calato così come dovrebbe continuare a fare anche nelle prossime ore.

“Un lento calo che la Protezione Civile continuerà a monitorare con attenzione, considerando le eventuali evoluzioni delle prossime ore dovute al perdurare del maltempo e delle piogge sul bacino idrografico del fiume”, ha spiegato il Comune.

“La situazione è sotto controllo – ha aggiunto il sindaco Michele Conti -, la piena sta transitando in queste ore ma non c’è stato bisogno di interventi particolari come il montaggio dei panconcelli, perché il livello del fiume è rimasto sotto il primo livello di guardia”.

Qualche problema in città per gli allagamenti che si sono verificati sul litorale, a Marina, Tirrenia e Calambrone e nella zona dell’aeroporto, che riamane in città la criticità maggiore da risolvere.

“Oltre al fatto che a Tirrenia e Calambrone il problema è stato legato anche alla mancanza di energia elettrica che non ha premesso all’idrovora del Consorzio di entrare in funzione, il problema di alcune zone del litorale è anche dovuto al fatto che il sistema di deflusso delle acque è a dispersione, quindi quando il fenomeno di pioggia è molto intenso, come è stato sabato pomeriggio sul litorale, dove il cumulato è stato quasi il doppio di quello verificatosi in città, il terreno non riesce ad assorbire l’acqua”, ha spiegato il sindaco.

“È fondamentale come Comune – prosegue Conti – continuare ad investire sulle manutenzioni ordinarie e sugli investimenti in opere di sicurezza idraulica, ma non basta. Invito anche la Regione Toscana ad mantenere alta l’attenzione sulle opere che riguardano il reticolo idrico del territorio, perché il problema della sicurezza idraulica deve essere affrontato e risolto nel suo insieme.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *