Calcio – Pisa-Cittadella 1-4. Tutto da rifare

Peccioli – Il Museo delle Icone Russe festeggia 20 anni
27 November 2020
Pisa – Navigabilità dell’Arno: La città cerca fondi
28 November 2020
Mostra tutti

Calcio – Pisa-Cittadella 1-4. Tutto da rifare

Pisa-Cittadella (foto Valtriani)Notte fonda per il Pisa. Che dopo poco più di un quarto d’ora si ritrova sotto di due reti e pure con l’uomo in meno. E non si riprende più. Giornata da dimenticare in fretta. Sorride, invece, il Cittadella che trionfa all’Arena e si riaffaccia prepotentemente in zona play-off.

Mister Luca D’Angelo che nell’occasione taglia il traguardo delle cento panchine con il Pisa, deve rinunciare all’infortunato Varnier. Torna il giovane Masetti guarito dal Covid-19 e dopo aver scontato la squalifica il difensore Pisano. Il tecnico pescarese manda in campo un Pisa a trazione anteriore nel suo ormai fisso 4-3-1-2. Davanti a Perilli ci sono Simone Benedetti e Antonio Caracciolo. Sugli esterni operano Birindelli e Lisi. Centrocampo formato da Gucher, Mazzitelli e Siega con Vido a ridosso delle due punte Marconi e Masucci. Il Cittadella risponde con il medesimo schieramento. Davanti a Maniero ci sono Perticone e Adorni con Ghiringhelli e Amedeo Benedetti impiegati sugli esterni. Centrocampo formato da Proia, Pavan e Gargiulo con Vita a sostegno di Ogunseye e Tsadjout. D’Urso recuperato in extremis parte dalla panchina. Non disponibili Cassandro, Branca, Bassano e Grillo.

IL PRIMO TEMPO. Il Pisa scende in campo in maglia nerazzurra, Cittadella in completo giallo. Prima del fischio d’inizio minuto di silenzio nel ricordo di Diego Armando Maradona. All’interno dello stadio uno striscione per ricordare Cosimo Porcaro, tifoso nerazzurro scomparso nelle ore scorse: “Non mi resta che odiare…Ciao Cosimino“. Firmato Ultras Pisa Curva Nord. Prima palla gol a favore del Pisa (2′) con Masucci che in area anticipa tutti su azione d’angolo, ma mette alto. Peccato. Sul capovolgimento di fronte però è il Cittadella a passare. Rimessa regalata sull’out di destra. Palla che perviene a Gargiulo al centro dell’area, che controlla e con il destro mette alle spalle di Perilli: 0-1. Pisa subito sotto all’Arena. Inizio in salita. La formazione di mister D’Angelo non ci sta, Vido dal limite calcia alto. Lisi conquista una buona punizione sulla trequarti offensiva. Sugli sviluppi del tiro franco Caracciolo alza con una girata di sinistro sopra la traversa. Il Pisa c’è ma è sfortunato. Benedetti incappa in una zolla che gli fa pardere l’equilibrio e viene a contatto con Tsadjout in area. Rigore per il Cittadella e rosso diretto per S. Benedetti. Pisa in dieci, Ogunseye va sul dischetto e spiazza Perilli (18′). Cittadella che si porta sul 2-0 dopo appena 18 minuti di gara. Gara in salita. Pisa adesso in grande difficoltà. Il Cittadella ovviamente va a mille e sfiora il 3-0 con Ogunseye, con Mazzitelli che ci mette una pezza nei pressi della linea di porta. D’Angelo cambia: dentro Meroni al posto di Siega. Così come a Empoli Meroni si piazza al fianco di Caracciolo in difesa. Buono l’impatto di Meroni sul match. Al minuto 33 scontro dio gioco parecchio fortuito fra Vita e Meroni. Entrambi escono poi tornano in campo un pò sofferenti. Ma intanto Gargiulo sfiora ancora il 3-0 (35′) con un sinistro che chiama Perilli alla deviazione in angolo. Il Pisa soffre con un uomo in meno e sotto di due gol. Perilli blocca ancora a terra il sinistro di Tsadjout. I nerazzurri cercano di riaprire il match (41′). Discesa di Lisi a sinistra cross per Marconi che apre il piattone, ma calcia sul fondo, Non sembra proprio giornata per il Pisa, neanche al 43′ quando ancora Lisi fa partire un traversone sul quale Caracciolo non arriva alla deviazione sul secondo palo. Sono due i minuti di recupero concessi dall’arbitro. Si va al riposo sul 2-0 per il Cittadella all’Arena.

IL SECONDO TEMPO. Ad inizio ripresa dentro De Vitis per Vido. Si riparte dal 2-0 per il Cittadella con il Pisa con un uomo in meno. La squadra veneta cerca subito di infilare il Pisa con una discesa di Vita che trova Gargiulo, ma il suo sinistro è bloccato a terra da Perilli a terra. Lisi sulla sinistra cerca di sfondare, ma non sembra essser giornata. Al minuto 59 Mazzitelli a centro area non riesce a girare in porta un cross proprio di Lisi. Ogunseye dalla parte opposta servito da Vita, calcia ampiamente a lato. E’ Perilli a tenere a galla il Pisa al minuto 61 con la respinta sul destro di Proia. Ma al 62′ il Cittadella su azione d’angolo cala il tris con Pavan che raccoglie una corta respinta di Perilli cha aveva salvato ancora su Ogunseye. Giornata storta per il Pisa. D’Angelo richiama in panchina anche Masucci e fa fare il suo ingresso a Palombi. Nel Cittadella dentro Awua e Cisse, fuori Gargiulo e Ogunseye. Al minuto 77 ci prova Marin dal limite al termine dell’ennesima discesa sulla sinistra: di Lisi: palla sul fondo. Al minuto 82 Gucher direttamente su calcio di punizione con palla deviata che termina di pochissimo a lato. Il Pisa meriterebbe almeno il gol della bandiera. Ed invece è il Cittadella a siglare il 4-0 con un perentorio sinistro dell’ex Iori che supera Perilli. Arriva su azione d’angolo la rete della bandiera del Pisa con una rovesciata di Marconi che sigla il suo quarto gol stagionale al minuto 89. Sono quattro i minuti di recupero assegnati da Pezzuto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *