Pontedera – Il liceo Montale e il XXV Aprile insieme al Fermi attendono i banchi con le ruote

Pisa – Da giovedì 3 a domenica 6 dicembre Pisa Book Festival
23 November 2020
Pisa – Reggina Vs Pisa • Stadio “Oreste Granillo” – video
23 November 2020
Mostra tutti

Pontedera – Il liceo Montale e il XXV Aprile insieme al Fermi attendono i banchi con le ruote

Alcuni Istituti scolastici superiori di Pontedera, nello specifico l’Itcg Fermi, il liceo Montale e il liceo XXV Aprile, hanno comunicato alla Provincia di Pisa di aver richiesto al Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 consistenti dotazioni di “nuovi arredi scolastici aventi caratteristiche idonee a permettere un miglior distanziamento fisico degli studenti”, ovvero i famigerati banchi con le ruote.

Si prevede che questi banchi siano consegnati entro il mese di novembre 2020 e per la Provincia, anche alle prese con l’allestimento delle aule a Palazzo Blu, si tratta di un bel grattacapo.

“L’operazione di consegna dei nuovi arredi presso le sedi scolastiche di Pontedera – si legge in una determinazione provinciale – renderà necessaria la collocazione degli stessi presso i diversi piani dei vari edifici e la contestuale movimentazione degli arredi da sostituire (prevalentemente banchi), i quali dovranno essere stoccati o direttamente presso l’edificio denominato “Palazzo Blu”, oppure, qualora esso non fosse ancora disponibile, traslocati provvisoriamente presso altre sedi prima del trasferimento definitivo; tali operazioni riguarderanno una mole consistente di arredi e attrezzature e renderanno necessaria una movimentazione coordinata tra distribuzione dei nuovi arredi e contestuale trasloco di quelli da sostituire, la quale presuppone l’utilizzo di appositi sistemi e attrezzature di imballaggio e di movimentazione, operazioni che non possono essere svolte dal personale interno della Provincia”.

Motivo per cui la Provincia si è affidata a una ditta esterna, la Advanced Services Srl di Perignano di Lari, autorizzata all’esecuzione del servizio in via d’urgenza. Un’operazione che all’ente provinciale costa ben 20mila euro, Iva compresa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *