Fauglia – La famiglia Busti risponde alle reazioni, in molti casi scomposte e sopra le righe

Tempo – Allerta meteo per temporali
17 August 2020
Pisa – Posti di lavoro al Comune
17 August 2020
Mostra tutti

Fauglia – La famiglia Busti risponde alle reazioni, in molti casi scomposte e sopra le righe

La famiglia Busti non ci sta. Dopo le reazioni, in molti casi scomposte e sopra le righe, che la visita di Salvini, immortalato con la mascherina abbassata all’interno del caseificio di Fauglia, ha azionato, l’azienda leader nel settore caseario interviene e chiede rispetto per il proprio lavoro. La pagina Facebook Busti si è infatti ritrovata inondata di critiche e minacce di boicottaggio dei propri prodotti, con commenti che vanno ben al di là della polemica politica contro il leader della Lega.
“La visita è stata condotta nel pieno rispetto delle procedure di sicurezza e la forma di pecorino ‘Il Pistacchio’ in questione è stata omaggiata a conclusione della stessa – affermano Remo, Marco, Stefano e Benedetta Busti – il Caseificio Busti è da sempre aperto a tutti, al di là dell’ideologia politica. Ogni anno, la nostra azienda organizza centinaia di visite guidate per privati, operatori di settore, scuole e giornalisti. Ci rammarica l’utilizzo sconsiderato di parole forti come ‘boicottaggio’, soprattutto in un momento storico così difficile, non solo per la nostra realtà ma per tutto il Sistema Paese”.
“Nel rispetto della nostra storia, delle 120 famiglie che lavorano con noi, dei nostri clienti, invitiamo tutte le forze politiche e tutti coloro che in queste ore stanno strumentalizzando i fatti accaduti a smorzare i toni della polemica – proseguono i componenti della famiglia Busti – vogliamo ringraziare di cuore tutti coloro che, sia in forma pubblica che privata, ci hanno fatto sentire la loro vicinanza e solidarietà. Non è nostro interesse occuparci di politica e da subito torneremo a concentraci sul nostro lavoro, dedicando tutte le energie alla nostra azienda”.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *