Viareggio – Vigili contro i gavettoni

Borgo a Buggiano – Pietre contro capotreno per mascherine
16 August 2020
Pisa – Normale nona al mondo per il ranking
16 August 2020
Mostra tutti

Viareggio – Vigili contro i gavettoni

Un'ondata umana di 250.000 persone ha invaso il mare da Carrara al Litorale Pisano con un Mega Tuffo per dire ''No alle Aste per Salvare il Turismo Balneare''. Oltre 700 gli stabilimenti balneari coinvolti. Viareggio (Lucca), 11 agosto 2012. ANSA/UFFICIO STAMPA

Polizia municipale schierata in spiaggia a Viareggio (Lucca) stamani per contrastare assembramenti di giovani villeggianti che trasgrediscono all’ordinanza del Comune di fare i cosiddetti ‘gavettoni’ di Ferragosto, cioè il lancio di secchi e palloni d’acqua alle persone. Il sindaco Giorgio Del Ghingaro infatti ha firmato l’ordinanza contro i ‘gavettoni’ come misura anti-contagio da Coronavirus. I vigili urbani, chiamati dai bagnanti allarmati, stanno intervenendo negli stabilimenti lungo la Passeggiata a mare per far rispettare l’ordinanza e impedire ulteriori possibilità di contagio a causa dei gavettoni d’acqua. Inoltre si registrano assembramenti notturni in spiaggia e intenso lavoro delle forze dell’ordine sul litorale di Pisa la notte scorsa. Nonostante gli appelli ad evitare le cosiddette ‘spiaggiate di Ferragosto’ – party e feste di notte sulla battigia -, centinaia di giovani hanno invaso le spiagge libere da Marina di Pisa, a Tirrenia, fino a Calambrone, contravvenendo a qualsiasi norma relativa al distanziamento sanitario per evitare i contagi da Coronavirus. Decine gli agenti di polizia, vigili urbani, carabinieri e personale della guardia di finanza hanno agito nelle spiagge, ma anche in strada e nel centro di Pisa, per assicurare il rispetto delle misure di contenimento del Covid-19. Nessuno dei giovani che con tende e sacchi a pelo avevano invaso gli arenili è stato denunciato. Peraltro tanti eventi in programma sul litorale sono stati annullati a seguito dell’allarme per la ripresa della diffusione del virus. Inoltre molti gestori di stabilimenti balneari da giorni avevano istituito a proprie spese servizi di controllo per evitare che i tratti di spiaggia in concessione restassero non vigilati e venissero invasi nelle ore notturne.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *