Pontedera – L’ASSOCIAZIONE PRESIDIO CIVICO DI PONTEDERA SULLE TRACCE DELL’ANTICA FERROVIA

Ponsacco – Incontro dell’associazione Bhalobasa nel Parco di Camugliano
16 July 2020
Cascina – LA SOCIETA OPERAIA DI CASCINA RINNOVA IL PROPRIO CONSIGLIO
16 July 2020
Mostra tutti

Pontedera – L’ASSOCIAZIONE PRESIDIO CIVICO DI PONTEDERA SULLE TRACCE DELL’ANTICA FERROVIA

Da molti anni se ne parla. Recuperare il tracciato dismesso dell’ex ferrovia Lucca-Pontedera, parzialmente distrutto dagli eventi bellici del secolo scorso, per realizzare una Greenway che potrebbe inserirsi intorno al percorso della “Ciclopista dell’Arno”, un’opera la cui realizzazione è già stata annunciata entro la fine del 2020 dal Comune di Pontedera. Una proposta di grande importanza per la valorizzazione turistica ed ambientale del territorio ed in particolare della citta’ di Pontedera (sede del Museo Piaggio e del polo tecnologico Sant’Anna) che andrebbe ad ampliare percorsi ciclabili già esistenti, collegando Lucca e i comuni interessati dall’antica linea ferroviaria alla nostra città, puntando su un turismo verde e sostenibile.

Sulla scorta del Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilita (PRIIM) approvato dal Consiglio Regionale in data 12 febbraio 2014 per promuovere interventi di mobilita ciclabile in ambito urbano ed extraurbano su tutto il territorio regionale, già dal 2014 il Comune di Capannori ha predisposto uno studio di fattibilità per l’intervento e anche il Comune di Bientina avrebbe aderito all’iniziativa. Per sensibilizzare la cittadinanza il presidente dell’Associazione Presidio Civico Pontedera Alberto Andreoli, ha richiesto la collaborazione del gruppo Bersaglieri Ciclisti della Associazione Nazionale Bersaglieri di Pontedera i quali avrebbero verificato ed individuato un itinerario che partendo dal Museo Piaggio che ripercorre fedelmente il tracciato dell’antico tratto della ferrovia dismessa attraversando i comuni di Calcinaia, Bientina, Buti, fino ad arrivare a Lucca. Durante il tragitto sono stati visitati numerosi siti dove si possono ancora ammirare i resti e le rovine delle vecchie stazioni ferroviarie ed in particolare della galleria Subalvea posta in località Castelvecchio, utilizzata dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale per collocare al suo interno il famigerato cannone ferroviario tedesco Leopold, trasportato dopo la guerra negli Usa.

Il gruppo dei bersaglieri ciclisti, tra i quali Lorenzo Ciompi, Andrea Masi, Alessio Matteini, Alessandro Boscaini, e lo stesso presidente del’Associazione Presidio Civico Alberto Andreoli ha verificato che in alcuni tratti il tracciato non è percorribile perché ostruito dalla vegetazione spontanea che si è formata nel tempo. “Tuttavia –  prosegue Andreoli- con una minima spesa i comuni interessati potrebbero bonificare le varie zone ed utilizzare i sentieri naturali ed il sedime della vecchia ferrovia come pista ciclabile, limitandosi ad installare una segnaletica informativa e turistica. Con rammarico è stato anche notato che parte del tracciato è stato occupato da manufatti amovibili e in alcuni casi con vere e proprie discariche di rifiuti che dovrebbero essere quanto meno sottoposti a verifica da parte delle autorità competenti. Con l’auspicio che l’iniziativa possa essere presa in considerazione, la mappa del percorso realizzata con la collaborazione del Geom. Giovanni Orsini, resta a disposizione del Comune di Pontedera per valutare la fattibilità della realizzazione di questa pista ciclabile”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *