Unione Valdera – FORMAZIONE A DISTANZA PER GLI OPERATORI IMPEGNATI NEI CENTRI ESTIVI

Livorno Calcio – Maurizio Laudicino :”Il ricordo più bello è la vittoria nel derby con il Pisa di due anni fa”
23 June 2020
Vicopisano – Centri estivi nel Comune di Vicopisano: 12 proposte per bambini e bambine da 0 a 14 anni
23 June 2020
Mostra tutti

Unione Valdera – FORMAZIONE A DISTANZA PER GLI OPERATORI IMPEGNATI NEI CENTRI ESTIVI

Le Conferenze Educative dell’area Pisana e della Valdera, coadiuvate dal CRED, si sono spese molto per la promozione dei centri estivi sul territorio e per assicurare un servizio molto atteso dalle famiglie, ma che dovrà essere svolto nel rispetto delle disposizioni contenute nel DPCM del 17 Maggio e dell’Ordinanza Regionale 61 del Presidente Rossi.
Per permettere a bambine e bambini di tornare a socializzare, dopo la brusca interruzione dovuta alla pandemia, per valorizzare e implementare l’educazione all’aperto, servono però educatori pronti ad affrontare questa insolita esperienza.
Ecco allora che la Conferenza Educativa Zonale ha affidato a due esperti come il Dott. Giuliano Giugntoli, psicologo e professore dell’Università di Firenze e il Dott. Piero Cibeca, Responsabile Servizio Igiene Pubblica della valdera e Alta Valdicecina, il compito di tenere delle lezioni esplicative per formare a distanza gli operatori impegnati nelle attività ludico-ricreative e nei centri estivi.
I loro interventi sono stati registrati e sono sempre a disposizione di ogni educatore sul sito dell’Unione Valdera a questo link: https://www.unione.valdera.pi.it/232323-blocco-links-pie-di-pagina-232323/conferenza-educativa-della-valdera/3620
Sono state alcune centinaia gli operatori che si sono iscritti all’evento formativo per seguire questi corsi che da adesso sono accessibili sul web a disposizione anche di tutti.
“Ringrazio il CRED Valdera – afferma la Presidente della Conferenza Educativa, Arianna Cecchini – e tutti coloro che hanno permesso questa attività formativa che sarà senz’altro utile per gli educatori che sono e saranno impegnati nei centri estivi. Volevamo permettere di offrire un servizio utile alle famiglie per ripartire dopo mesi difficili che hanno precluso ogni possibilità di soicalizzazione ai bambini”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *