San Miniato – Giglioli: “Un aiuto concreto alle diverse realtà cittadine. E adesso attendiamo le risorse del Governo”

Pontedera – Puccinelli ha ricevuto in Comune un imprenditore che offre gratis il servizio di “menù in rete”
29 May 2020
Bientina – Ripresa attività Aree Protette Cerbaie – Bientina – Sibolla
29 May 2020
Mostra tutti

San Miniato – Giglioli: “Un aiuto concreto alle diverse realtà cittadine. E adesso attendiamo le risorse del Governo”

Imu, Tosap e Tari sono le protagoniste di “San Miniato: punto e a capo!”, il pacchetto di agevolazioni messo in campo dal Comune di San Miniato, utilizzando le sole risorse disponibili a bilancio, per far fronte all’emergenza economica causata dal Covid 19. “Secondo una stima compiuta da Anci, gli 8mila Comuni italiani, nel 2020, perderanno dai 5,5 miliardi agli 8 miliardi di euro per mancate entrate derivanti da tributi locali e incassi vari – spiega l’assessore al bilancio Gianluca Bertini -. Principalmente si tratta di Imu, Tosap, Tari, addizionale Irpef, imposta di pubblicità, sanzioni e parcheggi. Secondo quanto previsto nel ‘Decreto rilancio’, è stanziato un primo trasferimento di 3 miliardi di euro destinati agli enti locali per sopperire a queste mancate entrate, soldi che il Governo dovrebbe liquidare entro il mese di luglio”. 

Il Comune di San Miniato, alla luce della necessità emerse in seguito all’emergenza sanitaria, ha accelerato i tempi e messo in campo, tramite risorse derivanti dal proprio bilancio, una serie di finanziamenti della parte corrente che saranno oggetto di delibere nei prossimi consigli comunali. “Per prima cosa siamo andati ad applicare la rinegoziazione, come consentito dai recenti provvedimenti emanati, dei mutui Mef, e quelli in essere con Cassa Depositi e Prestiti – spiega l’assessore Bertini -. In questo modo abbiamo garantito una disponibilità immediata di risorse per l’anno 2020 di 270mila euro, da destinare immediatamente a riduzioni e agevolazioni. Ovviamente dobbiamo monitorare costantemente l’andamento del bilancio complessivo e cercare di superare il difficile momento contando su risorse e trasferimenti aggiuntivi che permettano gradualmente di riattivare i servizi e mantenere il territorio e il patrimonio pubblico.”.

Vediamole nel dettaglio. Sull’IMU è stato revocato dello 0,10% l’aumento su fabbricati “D” (capannoni e opifici industriali) e aree edificabili pari a 90 mila euro; per la TOSAP il Comune ha invece deciso di estendere la sospensione prevista dal Decreto rilancio da maggio a ottobre, a tutto l’anno 2020, per tutte le attività di somministrazione, pari a 15 mila euro, mentre per la TARI saranno confermate le tariffe del 2019, con una riduzione che va dal 5% al 35% sulla parte variabile, suddivisa in base alle categorie economiche, pari a 200 mila euro. Per quanto riguarda le utenze domestiche, l’amministrazione ha deciso di istituire un fondo da 20 mila euro, da destinare alle famiglie in difficoltà. Oltre a questo, è stato istituito anche un fondo destinato a progetti di rilancio per le attività commerciali, gli esercizi di vicinato e le attività economiche, mentre è stato previsto il rimborso di quei servizi educativi a domanda individuale già pagati e non usufruiti.

“L’estensione della Tosap per tutto l’anno alle attività di somministrazione non è la sola variazione che abbiamo deciso di fare per aiutare le nostre attività commerciali ed economiche – spiega la vicesindaco e assessore alle attività produttive Elisa Montanelli -. Per gli ambulanti non alimentari che hanno svolto la propria attività nei primi mesi dell’anno, abbiamo prorogato al 30 settembre la prima rata della Tosap che scadeva il 31 marzo, e l’abbiamo sospesa per i mesi nei quali non hanno potuto fare mercati. Oltre a questo abbiamo deciso di concedere gratuitamente spazi aggiuntivi di suolo pubblico ad attività di somministrazione e artigianali che potremo estendere anche a tutte le altre attività che ce lo richiederanno, in occasione delle chiusure al traffico, sperimentazione già partita in centro storico che siamo disponibili ad estendere anche ad altre zone del territorio”. Gli esercizi interessati possono compilare il modulo che trovano sul sito del Comune (www.comune.san-miniato.pi.it) ed inviarlo a poliziamunicipale@comune.san-miniato.pi.it

“Grazie ad lavoro di squadra compiuto con la Giunta e con i servizi finanziari del Comune, abbiamo messo a disposizione da subito 350mila euro di risorse comunali per dare il via ad un pacchetto di agevolazioni che vanno ad aiutare concretamente tutte le diverse realtà cittadine, mantenendo intatto l’equilibrio di bilancio – dichiara il sindaco di San Miniato Simone Giglioli -. E’ stato un impegno che ha richiesto diversi giorni di lavoro per la messa a punto di un piano che fosse efficace e, al contempo, sostenibile dalle risorse attuali del Comune; adesso siamo in attesa di capire quanto verrà stanziato dal Governo per San Miniato e che tempi ci saranno per ricevere questi finanziamenti, a quel punto potremo capire quali ulteriori misure saremo in grado di prendere”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *