Pisa – La CTT attiva la ‘Navetta E straordinaria’
22 April 2020
Covid-19 – Aumentano le guarigioni, diminuiscono i ricoveri
24 April 2020
Mostra tutti

Pisa – Muore colonna del liceo Buonarroti

Ha insegnato a generazioni di pisani, ed era stata una vera colonna del liceo Buonarroti. Il mondo della scuola piange la professoressa Antonella Bucchioni, a lungo in servizio come insegnante di filosofia del glorioso liceo nel complesso Concetto Marchesi. Una lunga malattia se l’è portata via proprio durante i giorni della pandemia che l’ha anche costretta, nei suoi ultimi giorni, a coltivare a distanza le amicizie che sono state importanti in un percorso difficile e doloroso. La professoressa Bucchioni è morta nella notte tra martedì e mercoledì e per questo il mondo della scuola pisana – e in particolare quello dello scientifico Buonarroti – è in lutto e ricorda l’insegnante: è stata un esempio di coraggio, di generosità, di misura e di grazia per tutti noi, fino all’ultimo giorno”.

«Alcuni di noi stanno ricevendo molti messaggi di dolore e affetto per lei da parte degli alunni che abbiamo condiviso negli anni: – così la ricordano oggi i colleghi – e questa è una prova viva e tangibile del segno che ha saputo lasciare negli studenti. Tutte e tutti noi la ricordiamo per la serenità e la gentilezza nel rapporto con le persone e nell’ambiente di lavoro e di studio: il suo modo di essere schiva e mai desiderosa di protagonismo è stata un’altra sua grande e bella qualità, che ha illuminato lo spessore dell’insegnante e della studiosa e oggi il ricordo nel vuoto che ha lasciato nella nostra scuola”.

La professoressa Bucchioni ha ispirato, programmato, organizzato iniziative e progetti che sono diventati pilastri caratterizzanti della Buonarroti: ha collaborato e animato negli anni il progetto del Parlamento Europeo Giovani, un’occasione per giovani studenti e studentesse di incontrare coetanei di altre regioni e di altri Paesi europei; ha lavorato per introdurre l’Esabac nel liceo linguistico della scuola che dà la possibilità di conseguire il doppio diploma, italiano e francese ed è stata, a Pisa, animatrice del gruppo di lavoro sulla Giornata Primo Levi, per ricordare la tragedia della Shoah e educare i ragazzi ai valori dellla democrazia e alla tolleranza. “Anche quando è stata costretta a lasciare la scuola, ha sempre mantenuto un legame strettissimo, continuando a interrogarsi sulle modalità didattiche, su nuovi strumenti da sperimentare per affrontare le tematiche della storia e della filosofia – concludono i colleghi – La ricorderemo così, gentile, sorridente. Oggi ci stringiamo, in un abbraccio comune, al dolore della sorella Susanna, di cui abbiamo conosciuto la forza e l’amore per Antonella, che resterà viva nei nostri pensieri”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *