Covid 19 – Mozione unanime del Consiglio Comunale di San Miniato

Coronavirus – Quirinale a lutto: bandiere a mezz’asta per le vittime ( Video)
31 March 2020
CALCINAIA – IL TOCCANTE MINUTO DI SILENZIO OSSERVATO DAL SINDACO ALDERIGI
31 March 2020
Mostra tutti

Covid 19 – Mozione unanime del Consiglio Comunale di San Miniato

Il Consiglio Comunale di San Miniato porterà in approvazione una mozione, promossa dalla lista civica Cambiamenti e condivisa da tutte le forze politiche (PD, Uniti si può, Riformisti per San Miniato, Lega San Miniato, Forza Italia, lista civica Cambiamenti), sull’emergenza del Covid 19. Nel documento si rafforza l’appello (già rivolto ai cittadini da tutti i capigruppo nei giorni scorsi) al rispetto delle misure di emergenza adottate dal Governo, rinnovando l’invito a ridurre al minimo gli spostamenti e le occasioni di assembramento e di contatto, in modo da rafforzare l’efficienza del sistema sanitario italiano e dei suoi operatori.
Ampia la condivisione sulle iniziative assunte dal Comune per sensibilizzare e informare tempestivamente la popolazione sugli sviluppi della situazione e ridurre i disagi della popolazione anche sul versante economico, in particolare per l’eliminazione della rata dei servizi a domanda individuale per il mese di marzo, per i quali se ne chiede l’estensione fino al termine della situazione di emergenza, oltre a valutare ogni altra iniziativa di sostegno alle famiglie si renda necessaria.
Il cuore della mozione riguarda il tema degli aiuti al tessuto economico cittadino: con la preoccupazione per le ricadute economiche che la situazione avrà sulle attività commerciali e turistiche, sulle piccole e medie imprese artigianali e industriali, e sulle libere professioni, l’Amministrazione si impegna a favorire l’accesso delle piccole imprese del territorio alle iniziative di sostegno adottate dal Governo e dalla Regione Toscana, oltre a varare specifiche misure.
Questa mozione impegna infine la Giunta a destinare le eventuali risorse che si rendessero disponibili, ad un alleggerimento del carico tributario per quelle attività economiche costrette a sospendere l’attività per i provvedimenti adottati dal Governo durante il periodo d’emergenza: per fare questo, parte dell’avanzo di amministrazione disponibile potrà essere infatti destinato alla concessione di contributi economici per coprire il pagamento della TARI e dell’IMU per i titolari di attività economiche maggiormente colpite dall’emergenza, oltre alla riduzione generalizzata delle tariffe Tari per le aziende obbligate a sospendere l’attività.
“Questo documento è un importante segnale che proviene dal nostro Consiglio Comunale, il primo ad aver proposto un testo congiunto con il quale tutte le forze politiche si impegnano per un obiettivo comune – dichiara il sindaco di San Miniato Simone Giglioli -. La situazione emergenziale nella quale ci troviamo ha bisogno dell’aiuto concreto di tutti i cittadini e anche la politica è chiamata a fare la sua parte, come in questo caso. Ringrazio i consiglieri comunali per il loro lavoro nel proporre questo documento e tutte le forze politiche per il sostegno all’operato dell’amministrazione, un modo per permetterci di svolgere al meglio il nostro compito”.
“L’iniziativa è partita dal gruppo CambiaMenti che ha concordato alcuni orientamenti col Sindaco – dichiara la capogruppo della Lista civica Cambiamenti, Manola Guazzini -. Si è arrivati poi, col contributo di tutti i gruppi consiliari di maggioranza e di opposizione, a concordare il testo di una mozione che sarà presentata unitariamente al prossimo Consiglio Comunale. Pensiamo che in questa fase, molto sospesa e tragica anche per il nostro Comune deve vederci il più possibile uniti nell’individuare soluzioni concrete, al di là delle varie appartenenze e differenze politiche che rimangono e devono rimanere e che avremo occasione di evidenziare in seguito. Riteniamo istituzionalmente importante il traguardo di questo testo, che ha richiesto qualche giorno ma che ha visto il contributo di tutti i gruppi consiliari: concretamente tutta l’amministrazione comunale è vicina e presente anche da un punto di vista economico, in particolare quando l’emergenza sarà passata”.
“Il documento che presenteremo e voteremo nel prossimo consiglio comunale è il risultato di un dialogo avuto tra tutte le forze politiche che rappresentano i cittadini sanminiatesi nel consiglio comunale – dichiara il capogruppo del PD, Marco Greco -. Ed è il segno di una maturità politica dimostrata da tutti, mettendo da parte i colori politici in un momento di emergenza che colpisce tutta la popolazione unendoci tutti sotto la bandiera dell’Italia e il Gonfalone di San Miniato. Come Partito Democratico, abbiamo ritenuto utile allargare la platea, per la concessione di contributi economici finalizzati al pagamento della Tari e dell’Imu, anche alle libere professioni. In questi giorni riceviamo tanti messaggi, tante telefonate di cittadini che ci chiedono spiegazioni o semplicemente ci ringraziano per l’informazione ricevuta. Ecco, a fronte di ciò, nonostante l’emergenza in corso, penso che questa sia la parte più bella della chiamata all’impegno politico. Siamo vicini a tutti i nostri concittadini e, doverosamente, siamo a disposizione per qualsiasi necessità”.
“Sono stati giorni che ci hanno visto molto impegnati, ma allo stesso tempo uniti oltre le differenze politiche, in un meticoloso lavoro per affrontare tangibilmente una grave emergenza sanitaria ed economica – dichiara il capogruppo di Forza Italia, Michele Altini -. Grazie allo sforzo congiunto dei vari gruppi consiliari, posso affermare che il Comune ha fatto un primo passo affinché le conseguenze di questa pandemia non si ripercuotano sul tessuto economico cittadino.

Desidero ringraziare la lista civica Cambiamenti per la mozione proposta e tutti i membri del consiglio comunale che hanno reso possibile con i loro contributi concordare questa misura che vede il nostro comune tra le amministrazioni più vicine e attente ai loro cittadini. In questo provvedimento si riflette il nostro impegno come partito e la conferma che Forza Italia rappresenta una forza politica responsabile e sensibile verso la popolazione e i vari comparti economici, produttivi e professionali”.
“Sono molto soddisfatto della Mozione presentata da tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione. Un plauso va a tutto il Consiglio Comunale per l’iniziativa presa – dichiara il capogruppo della lista ‘Uniti si può’, Cristiano Mori -. Penso che sia simbolico, ma evidente, che proprio nel momento in cui la situazione ci impone un certo ‘distanziamento sociale’, ci ritroviamo uniti nell’affrontare le conseguenze immediate e future di questo male improvviso. Mai come in questo momento sentiamo forte il bisogno di ribadire il principio fondamentale dal quale è nato il nostro impegno civico e istituzionale: uniti si può”.

“In un momento così difficile, nel quale il nostro Paese è stato messo in ginocchio, non si può che stringersi e darsi forza l’un l’altro – dichiara il capogruppo dei Riformisti per San Miniato, Lucio Pizza -. La priorità assoluta va agli abitanti del nostro amato comune di San Miniato, alla loro salute, alle loro necessità primarie affinché il nostro sostegno sia di aiuto per superare questa drammatica pandemia e le sue conseguenze economiche e socio-sanitarie. Per questo, a nome delle lista civica Riformisti per San Miniato, dichiaro di essere a favore della mozione presentata dalla lista civica Cambiamenti. Ringrazio calorosamente tutti i membri del consiglio comunale per essersi uniti a favore di una misura che vede il nostro comune attento al bene assoluto dei cittadini”.
“In un momento di eccezionale difficoltà quale quello che stiamo attraversando, riteniamo che tutte le forze politiche debbano fare fronte comune per superare l’emergenza sanitaria e sociale che sta aggredendo così pesantemente l’Italia e il mondo intero – dichiara il capogruppo della Laga San Miniato, Roberto Ferraro -. Una forte solidarietà nazionale si rende ancor più necessaria a seguito delle incomprensibili dichiarazioni e atteggiamenti assunti dai vertici delle Istituzioni europee, risultate prive del minimo senso di solidarietà che dovrebbe caratterizzare l’Unione degli Stati d’Europa. Quando tutto sarà finito le forze politiche potranno tornare a confrontarsi, anche aspramente, ma ora, per quanto possibile, tutti dovranno fare la loro parte, per consentire all’Italia di superare questo difficile momento”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *