SAN GIULIANO T. – Esclusa perchè non vaccinata

PISA – Avviso Pubblico sta con Libera
6 Gennaio 2020
PISA CALCIO – I nerazzurri infiammano il calciomercato
9 Gennaio 2020
Mostra tutti

SAN GIULIANO T. – Esclusa perchè non vaccinata

Esclusa dall’asilo nido perché non vaccinata. Il Comune di San Giuliano Terme ha dichiarato la decadenza dell’iscrizione di una bimba di due anni. La piccola, priva di profilassi per scelta dei genitori, non potrà più frequentare il nido “Il piccolo principe” di Orzignano. Un asilo che, per altro, la bambina non ha mai frequentato proprio per la scelta no-vax della famiglia. «Abbiamo applicato la legge – commenta l’assessore comunale all’istruzione Lara Ceccarelli – e lo abbiamo fatto con una certa elasticità concedendo alla famiglia più tempo di quello previsto per regolarizzare la situazione della piccola».

La bimba era stata infatti già sospesa dall’asilo all’inizio dell’anno scolastico dopo la verifica dell’adempimento degli obblighi vaccinali. Una procedura che è una prassi non solo a San Giuliano Terme ma in tutti i servizi dell’infanzia gestiti dai Comuni. Per ogni bambino, infatti, vengono effettuate delle verifiche nell’anagrafe vaccinale regionale e, in caso di inadempienza, viene richiesto ai genitori di giustificare la mancata vaccinazione obbligatoria entro dieci giorni.

Una giustificazione che, però, per la bambina di due anni non è arrivata. Lo scorso 12 novembre, ben oltre i dieci giorni previsti, il Comune ha dunque provveduto a comunicare ai genitori l’avvio della procedura di decadenza. La famiglia ha avuto quindi altri quindici giorni di tempo per presentare memorie o deduzioni. «Non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione», precisa l’assessore facendo notare come i tempi si siano ulteriormente dilatati anche a causa delle festività. Così il Comune ha dovuto procedere con la decadenza dell’iscrizione della piccola. La determina è stata approvato lo scorso 2 gennaio ed è effettiva dal giorno successivo alla notifica del provvedimento.

«Non siamo noi a decidere se la piccola possa frequentare o meno l’asilo – conclude Ceccarelli –. Al contrario di altri casi, la famiglia della bimba non ci ha fornito nessuna spiegazione o documentazione. Data la delicatezza del caso abbiamo anche dato ai genitori più tempo di quanto previsto dalla legge». Tutto inutile: la bambina ora non è più iscritta all’asilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *