PISA – IMPORTAVANO MERCI FALSE E LE RIVENDEVANO SUL WEB. SEQUESTRATI 10MILA ACCESSORI

VICOPISANO – 50 anni insieme, festa dedicata a 38 coppie d’oro del Comune
3 Ottobre 2019
VICOPISANO – Attivo da lunedì 14 ottobre lo sportello per la genitorialità nel centro aggregativo “Spazio ai Giovani”
3 Ottobre 2019
Mostra tutti

PISA – IMPORTAVANO MERCI FALSE E LE RIVENDEVANO SUL WEB. SEQUESTRATI 10MILA ACCESSORI

E’ durata qualche mese l’attività di analisi svolta dalle Fiamme Gialle pisane su alcuni siti di vendita online che, in collaborazione con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Pisa, ha consentito di individuare singole partite di merci ed etichette contraffatte, importati dai cosiddetti Paesi a rischio, soprattutto situati in Estremo Oriente e destinati all’Aeroporto “Galileo Galilei” di Pisa.

Non è stato facile per i finanzieri e i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli individuare i pacchi sospetti tra le oltre 10mila tonnellate di merci che ogni anno transitano dallo scalo aereo all’ombra della Torre Pendente.

Analisi di rischio, sistemi di scannerizzazione e monitoraggio del web hanno permesso di selezionare, a colpo sicuro, numerose partite di merci false.

In un solo pacco sono stati rinvenuti oltre 30 kg di etichette false di note griffes.

L’attività investigativa, condotta dagli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pisa, ha permesso anche di risalire ad uno dei destinatari delle spedizioni, un cinese di 50 anni, presso il cui domicilio, a Fucecchio, è stato scoperto un laboratorio di assemblaggio di accessori e capi di abbigliamento.

Al momento dell’intervento, oltre 10mila pezzi erano in attesa di essere spediti presso gli indirizzi forniti dai clienti sui siti di acquisto.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Firenze, hanno avuto il loro epilogo con la perquisizione del laboratorio ed il contestuale sequestro di migliaia di componenti per abbigliamento ed accessori con marchio Colmar, Gucci, Chanel, Fendi, Louis Vuitton, Hermès e Burberry e di tutti i macchinari e gli strumenti atti al relativo assemblaggio.

Il cittadino cinese è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Firenze per fabbricazione, importazione e commercio di merce contraffatta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *